Assunzione ed Incoronazione della Vergine

Assunzione ed incoronazione della Vergine
Appartenenza oggetto
Proprio
Categoria
Affresco
Luogo di conservazione
Museo Nazionale d'Abruzzo
Luogo di collocazione
Arte Sacra, piano secondo, sala 1
Materia e tecnica
Affresco
Autore
Francesco da Montereale (documentato dal 1508 al 1549)
Datazione
Sec. XVI (prima metà)
Provenienza
Pile (AQ) - Chiesa di San Quinziano  - Visualizza sito
Diritti oggetto digitale
PSAE AQ

Descrizione breve

In basso, intorno al sepolcro vuoto, si raccolgono gli apostoli in preghiera. In alto si intravede la Vergine a mani giunte e il Cristo, circondati da una gloria di angeli e cherubini

Bibliografia

A. LEOSINI, Monumenti storici aquilani, L'Aquila 1848
V. BINDI, Artisti abruzzesi, Napoli 1883, pagg. 178 - 180
V. BINDI, Monumenti storici ed artistici degli Abruzzi, Casalbordino 1889
L. SERRA, L'Aquila monumentale, L'Aquila 1912, pag. 61
M. CHINI, Pittori aquilani del '400, in Rassegna d’arte degli Abruzzi e del Molise, I-IV (1915), Roma 1915, pag. 81
M. CHINI, Documenti relativi ai pittori che operarono in Aquila fra il 1450 ed il 1550 circa, in Bollettino della Regia Deputazione abruzzese di storia patria, XVIII (1927), pag.101
L. SERRA. Aquila, Bergamo 1929, pag. 95
F.ZERI, Italian painting in the Walters art Gallery,Baltimore 1976, I, pagg. 185 -188
R. CANNATA', Francesco da Montereale e la pittura a L'Aquila dalla fine del '400 alla prima metà del '500, in "Storia dell'arte", 41, 1981, pagg. 67 - 68
P.L. DE CASTRIS, La pittura del Cinquecento nell’Italia Meridionale, in La pittura in Italia. Il Cinquecento, II,  Milano 1988, pagg. 509 - 514
R. CANNATA’, ad vocem in Dizionario biografico degli italiani, vol. 49 (1997), pagg. 817 - 819
G. BOFFI, ad vocem in Gente d’Abruzzo. Dizionario biografico, Castelli, 2006, vol. V, pagg.187 – 192
P. BERARDI – G. GUARNIERI, Francesco di Paolo da Montereale nella terra di confine tra cultura abruzzese e cultura laziale, in Fidelis Amatrix, V, 2007, n. 24, pagg. 16 - 22
L. PEZZUTO, Francesco di Paolo da Montereale in L’arte aquilana del Rinascimento a cura di M. Maccherini, pagg. 161 – 168 

Commenti

L'opera venne ritrovata agli inizi degli anni '70 durante i lavori di restauro nella chiesa di S. Quinziano di Pile, comunemente detta S. Pietro di Sassa. Nei caratteri fisionomici dei personaggi e nell'impianto figurativo è possibile rilevare l'accostamento a Cola dell'Amatrice. L'apporto di questi nuovi elementi determinò infatti un arricchimento nella maniera di Francesco da Montereale, rinnovandola e rendendola meno artificiosa.